Cosa significa OSA e cosa devi fare per diventarlo

Cosa significa OSA

Tra le varie opportunità formative e lavorative attualmente esistenti in Italia, troviamo l’OSA, ossia la figura dell’Operatore Socio Assistenziale. Quindi, come è intuibile, OSA, non è altro che l’acronimo per identificare, in maniera più rapida, un Operatore Socio Assistenziale.

Da un punto di vista lavorativo, un Operatore Socio Assistenziale potrà trovare, facilmente, una occupazione presso strutture socio-assistenziali, socio-sanitarie e sanitarie. Per avere la qualifica professionale di Operatore Socio Assistenziale, si deve aver frequentato uno specifico corso OSA.

Di fatti, le competenze sia teoriche e sia pratiche di questa importante professionale, lo vedono protagonista tanto nel settore sanità quanto nel settore sociale.

Fondamentalmente, il compito primario di un Operatore Socio Assistenziale è quello di portare assistenza ad una persona disabile, favorendone una personale autonomia in tutte le pratiche quotidiane.

Quindi, è una figura professionale assolutamente indispensabile per assistere soggetti che presentano una disabilità che potrà essere sensoriale, fisica, ma, anche mentale.

Sono, di conseguenza, molteplici i compiti che dovrà saper assolvere nei confronti di una persona disabile per agevolare il soggetto in un ambito quotidiano.

A titolo di esempio, si può accennare al fatto che un Operatore Socio Assistenziale avrà il compito di occuparsi dell’igiene personale del soggetto che è disabile, oltre che avere l’onere del rapporto con la famiglia stessa della persona diversamente abile.

La sua attività, inoltre, lo vede parte attiva nei rapporti esistenti con il personale sociale e sanitario, al fine di verificare i progressi del soggetto in ottica del conseguimento dei primari obiettivi inerenti il progetto assistenziale stesso.

Di fatto, un Operatore Socio Assistenziale potrà svolgere la sua attività presso convitti, in comunità alloggio e anche a domicilio.

È, poi, da ricordare che ottenuta la qualifica dopo aver seguito un corso OSA, un Operatore Socio Sanitario, proprio in virtù di essere una figura professionale riconosciuta, ha la facoltà di poter prendere parte ad ogni tipo di concorso pubblico indetto per l’assunzione come assistenza presso una struttura ospedaliera.

La figura professionale di Operatore Socio Assistenziale

Chiunque abbia frequentato un corso OSA e conseguito il titolo di Operatore Socio Assistenziale, è classificato, secondo l’Istat, nelle professioni che sono qualificate a svolgere il proprio operato all’interno dei servizi sanitari. Ne consegue che, la figura di un OSA, ha ricevuto quelle competenze professionali necessarie allo svolgimento di attività relazionali, istituzionali e sociali in ambito dei servizi sanitari per persone con disabilità.

In altri termini, un Operatore Socio Assistenziale è colui il quale ha i requisiti richiesti per occuparsi delle persone che sono diversamente abili, ovvero è in grado di prestare cure come pure una assistenza personalizzata e, questo, anche in forma domiciliare. Per chiarire ulteriormente, si specifica che con il termine disabilità si va intendere sia quella sociale, quella fisica e quella psichica. Naturalmente, può prestare la sua opera anche nell’assistenza all’infanzia, ossia nei confronti di quei bambini i quali necessitano ricevere un sostegno durante la fase della loro crescita.

Come diventare Operatore Socio Assistenziale

Come diventare Operatore Socio Assistenziale

Il primo passo per diventare a tutti gli effetti un Operatore Socio Assistenziale, è quello di frequentare un corso OSA. Questa tipologia di corso si snoda e si articola sul formare professionalmente il futuro Operatore Socio Assistenziale.

Non a caso, un corso OSA è incentrato su materie riguardanti l’assistenza della persona disabile, ma, anche su quanto è necessario apprendere per svolgere delle prestazioni che potranno essere igienico e sanitario di cui il soggetto assistito avrà necessità di ricevere anche in un ambito che potrà essere domestico. Infatti, una volta terminato il corso OSA ed essere diventato un qualificato Operatore Socio Assistenziale, potrà trovare una occupazione per prestare dei servizi in ambito socio-assistenziale, come pure ospedaliero, oppure a domicilio.

Il tutto, in collaborazione con le altre figure professionali rientranti in una ottica lavorativa rispondente al criterio di multifunzionalità.

Per quanto riguarda i requisiti che sono necessari per poter accedere ad un qualunque corso OSA, questi sono due. Infatti, in primis si deve essere in possesso almeno di un titolo di scuola media inferiore, mentre il secondo requisito indispensabile per accedere un corso OSA, è quello inerente l’aver compiuti i 18 anni di età, ovvero quelli attualmente previsti per la cosiddetta maggior età. Invece, per quanto riguarda la possibile durata di un corso OSA, questa, di solito, viene ad essere ripartita tra delle lezioni teoriche e tra stage e tirocinio, ovviamente, guidato.

Il corso OSA, per ricevere la migliore preparazione

Oltre che essere propedeutico per assimilare le nozioni fondamentali allo svolgimento di questa delicata e importante professione, il corso OSA è il mezzo per conseguire la qualifica di Operatore Socio Assistenziale. Di fatto, al termine del corso, si sarà in grado, tra l’altro, di saper analizzare le situazioni come pure i bisogni di chi si andrà ad assistere, come anche si potrà attivare ogni tipo di miglior soluzione.

Quindi, attraverso la frequentazione di un corso OSA, si avrà tutta la conoscenza volta alla promozione dell’indipendenza del soggetto assistito e, ove è possibile, favorirne il suo progressivo recupero. Tutto ciò, prevederà, anche, lo svolgere le pulizie domestiche, facilitare quelle che sono tutte le varie attività riguardanti l’igiene personale di un assistito.

Oltre a ciò, un Operatore Socio Assistenziale verrà preparato da un corso OSA, anche per saper eseguire tutte quelle tecniche indispensabili per offrire la possibilità di una re-integrazione sociale completa del proprio assistito. Come si evince chiaramente, la frequentazione di un corso OSA risulta essere fondamentale proprio per ricevere una perfetta preparazione professionale.

Quindi, grazie ad essa, si sarà in grado di avere tutte quelle conoscenze fondamentali per affrontare e risolvere problematiche che investono una totale e completa assistenza personale di un soggetto disabile. Seppure la figura professionale di un Operatore Socio Assistenziale non sia strettamente uguale a quella infermieristica, svolge un ruolo e un compito di assoluto valore e importanza per ovviare ad ogni tipo di problematica socio-relazionale di un soggetto diversamente abile, ovvero saper promuoverne l’autonomia.

In conclusione, verrà formato per apprendere tanto in via teorica quanto in via pratica, nozioni inerenti aree, per esempio, di pronto intervento, psicologia di base, sicurezza sul lavoro, l’igiene, elementi di anatomia, come pure argomenti di legislazione legate all’assistenza sociale e via dicendo.

Scopri tutti i Corsi OSA disponibili e richiedi informazioni gratuite e senza impegno
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.