Che tipo di lavoro posso fare dopo il liceo delle scienze umane?

Il diploma di liceo delle scienze umane affronta in maniera molto profonda il percorso formativo. 

La comprensione dei molteplici processi che portano a conoscere la mente umana è finalizzata ad approfondire il comportamento dell’essere umano. 

Per raggiungere questo ambizioso risultato, oltre alla basa proveniente dalle materie che normalmente si affrontano negli altri licei, come ad esempio matematica, italiano, latino, scienze, geografia, storia dell’arte e filosofia, vengono affiancate altre materie più specifiche come pedagogia, antropologia, sociologia e psicologia. A titolo di esempio, e per fare capire l’importanza che avrà ai fini dello sbocco professionale, basti pensare che Pedagogia viene trattata per tutti i cinque anni di studio liceale. 

Ti interessa prendere il diploma di Scienze Umane? Clicca qui

La predisposizione per questo genere di indirizzo è fondamentale. Comprendere le relazioni umane significa poi applicarsi in attività professionali ove al centro del vostro impegno ci sarà il lavoro con le persone, tra cui i bambini, gli anziani in ambito prettamente sociale. 

Si può orientare il corso di studi verso l’area  economico-sociale, nel quale l’attenzione viene posta su materie come il diritto e l’economia politica. Al giorno d’oggi poi non si può prescindere dalla conoscenza delle lingue straniere tra cui l’inglese ed una seconda a libera scelta tra francese, tedesco e spagnolo. 

Un orientamento professionale che può offrire questo genere di scuola tiene conto delle peculiarità formative di questo percorso di studi, e sono quindi da vedere come opportunità in prospettiva e potenziali. Ad ampliare la sfera di possibilità ci sono pure le differenze geografiche che possono determinare andamenti di settore differenti in base alle diverse località. 

Gli approfondimenti del liceo per le scienze umane alla base degli sbocchi professionali 

diploma scienze umane
Il diploma di Scienze Umane garantisce molti sbocchi professionali

La caratteristica di questo indirizzo è senza dubbio l’approfondimento di materie quali la sociologia e la psicologia. Unitamente a ciò risulta importante per l’accesso universitario anche il latino e la filosofia. In particolare le materie affrontate sono: 

  • Scienze dell’educazione 
  • Scienze sociali 
  • Scienze della formazione 
  • Sociologia 
  • Psicologia 
  • Professioni sanitarie (Infermieristica, Fisioterapia, Logopedia) 
  • Lettere e Filosofia 
  • Scienze della comunicazione 
  • Giurisprudenza 

Di seguito vengono indicati i settori ove è maggiormente probabile lo sbocco professionale per un diploma di scienze umane, ognuno di essi possono individuare professioni specifiche: 

  • Educazione, attività ludiche ed espressive oltre che settore dell’animazione 
  • Servizi socio-sanitari e di carattere assistenziali 
  • Riabilitazione e rieducazione con particolare rilievo per il servizio geriatrico e infantile 
  • Settore della comunicazione e del marketing 
  • La formazione in qualità di docente per gli asili nido ed oltre 
  • Mediazione ed integrazione socio-culturale 
  • L’organizzazione del lavoro con rilievo per le risorse umane 

Le prospettive in concreto 

E’ indubbio che questo genere di diploma prepari al servizio assistenziale in prima battuta, per cui saranno gli enti pubblici ad essere i probabili futuri datori di lavoro. L’ambito di sbocco naturale è quello dell’assistenza e della formazione dei bambini, oltre che alcune di categorie come gli anziani, i disabili ed i malati. Chi ha un diploma di questo genere può partecipare a tutti i concorsi pubblici che non necessitano esplicitamente della laurea. 

Le possibilità di inserimento lavorativo che offre questo liceo sono riconducibili a lavori come psicologa, logopedisti e maestre d’asilo. Il diplomato con l’indirizzo economico-sociale può svolgere il lavoro direttamente senza necessità di laurea nei contesti sociali a contatto con i bambini, oltre a ciò può interagire con tutte quelle strutture sociali che chiedono un supporto per la propria attività commerciale. 

Il momento economico attuale che sta affrontando il nostro paese non rendono gli sbocchi professionali fluidi e naturali in termini di ragionevole possibilità di accedervi. A tale difficoltà si deve rispondere integrando il proprio percorso formativo per raggiungere un livello di conoscenze professionali che abbiano come risultato finale una maggior qualifica. 

Il percorso formativo post diploma deve essere adeguato alle proprie peculiarità e necessità. Tipicamente i campi della psicologia, dell’educazione e dell’orientamento al lavoro sono gli sbocchi più comuni. Come alternativa si possono valutare di scegliere uno fra i numerosi corsi di formazione dedicati a diversi approfondimenti. 

Lo sbocco in campo universitario 

L’ampiezza delle materia affrontate durante tutto il ciclo di studi, da modo ad un diplomato in scienze umane di affrontare qualsiasi indirizzo universitario per il quale sente affinità. Non ci sono preclusioni per gli indirizzi di carattere economico o sociologico. 

La formazione offerta da questo percorso è senza dubbio di ottimo livello soprattutto nelle materie specifiche che sono alla base del lavoro in campo socio assistenziale. 

Il bagaglio che lo studente avrà a disposizione è notevole e gli permetterà d affrontare un ciclo di studi universitari in maniera senza dubbio più agevole rispetto a molti altri diplomi anche liceali. Il punto di forza è sicuramente rappresentato dall’approccio multidisciplinare della psicologia, dell’antropologia e della pedagogia. 

L’accesso all’università, dopo il diploma in scienze umane è consigliato a tutti coloro che hanno già intenzione di proseguire gli studi verso facoltà come ad esempio: scienze della formazione, psicologia, scienze dell’educazione, storia e filosofia. 

Andando più nel particolare al termine degli studi universitari di psicologia, permette di lavorare come psicoterapeuta, ma non solo, si potrà optare per psicologo, per criminologo o anche insegnante. Sta alla predisposizione dello studente ampliare il proprio già ben nutrito bagaglio di conoscenze in campo socio assistenziale per trovare la propria strada nel mondo del lavoro. 

Altri percorsi possibili si hanno da Sociologia che porta alla formazione sia in campo privato che in quello dell’assistenza all’infanzia presso gli asili in strutture pubbliche. 

Un indirizzo di studi che si basa su una propria predisposizione e che finisce per essere orientativo più si avanza con l’età, andando a scoprire per gradi quale sia il proprio esatto impegno ideale nel mondo del lavoro. 

Ciò che in sintesi, e concludendo da questo impianto educativo è senza dubbio una base di professionalità che da ottime possibilità per accedere al mondo del sociale. Ma non si limita a questo, poiché ottime sono anche le nozioni in campo medico, quello paramedico e infermieristico. L’impegno verso il mondo dell’assistenza agli anziani e come educatori professionali appare allettante visto il particolare momento socio economico che sta affrontando il nostro paese. Le cliniche pronte ad operare a favore dell’anziano si stanno moltiplicando nel settore privato, con particolare riferimento alle RSA. 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.