Il settore lavorativo che non va in crisi: corsi OSA e OSS

Come tutti noi purtroppo sappiamo, stiamo attraversando un periodo davvero molto nero dal punto di vista occupazionale: non c’è giorno che i mass – media non ci angoscino con dati davvero allarmanti soprattutto per i giovani.

Eppure nonostante tutto vi sono mestieri che non conoscono la crisi: figure professionali molto richieste sono gli OSA e gli OSS, rispettivamente acronimi di Operatori Socio Assistenziali e Operatori Socio Sanitari.

In questo settore c’è carenza di personale adeguatamente formato a fronte di un incremento di domanda da parte delle strutture sanitarie ed assistenziali pubbliche e private.

Gli Operatori Sanitari e Sociali non sanno cosa vuol dire la parola: “Crisi”. 

L‘OSA è un operatore in grado di fornire le sue competenze socio – assistenziali nelle strutture che si occupano di prevenzione, sostegno, cura e integrazione nei diversi ambiti del disagio sociale: bambini, disabili, anziani, tossicodipendenti ed extracomunitari.

L’OSS aiuta ed assiste il personale socio-sanitario realizzando attività semplici di aiuto alle attività infermieristiche e tecnico-sanitarie.

Si interfaccia in modo interattivo e collaborativo con medici, infermieri, assistenti sociali, educatori, fisioterapisti e soprattutto con le famiglie degli assistiti.
Entrambe le figure professionali richiedono un percorso formativo adeguato e congruo alle esigenze del settore.

Richiedi informazioni gratuite su costi edurata di un corso OSS

La qualifica di OSA e di OSS si consegue sempre al termine di un percorso formativo della durata di molte ore suddivise tra teoria e stage.

Le materie di studio sono diverse ed integrate tra loro a dimostrazione di come si tratti di percorsi di studio, formazione e lavoro trasversali che abbracciano diversi settori del sapere e della professione.

Certamente l’OSA e l’OSS devono avere competenze di tipo legislativo (conoscere la legislazione sanitaria e sociale), devono avere altresì, conoscenze di tipo psico – sociale (conoscere le dinamiche di gruppo e di relazione). Non mancano approfondimenti degli aspetti medico – sanitari, dell’igiene ed elementi di pronto soccorso.

Dal punto di vista operativo l’OSA e l’OSS devono anche sapersi occupare dell’assistenza domiciliare e tutelare e dei piani riabilitativi domiciliari e non.

Qual è il corso giusto?

Certamente l’offerta è vasta: sono molti i centri e gli enti di formazione che garantiscono la formazione e l’inserimento nel mondo del lavoro.

Un corso serio e professionalizzante prevede, al termine, un esame finale sia teorico che pratico. All’esito positivo consegue il rilascio di un attestato di qualifica spendibile su tutto il territorio nazionale.

Condividi

5 Commenti a Il settore lavorativo che non va in crisi: corsi OSA e OSS

  1. salve mi chiamo Marta sono una OSS qualificata con anni di esperienza,non sono d’accordo sul fatto che non c’e’ crisi in questo settore ,io ho perso i lavoro e non riesco a trovarlo anche se sono una professionista molto ingamba, c’e’ molta difficolta’ a inserirsi non e’ piu’ come prima, anche perche’ non si trova lavoro e tutti ricorrono a questo corso per assicurarsi purche’ un lavoro, quindi ne siamo cosi’ tanti che posti sono limitati, Grazie

    1. Gentile Marta,
      inanzitutto grazie mille per il tuo commento che sarà utile a tutti i lettori per riflettere sui limiti di un paese, l’Italia, che fa veramente fatica a risollevarsi! Speriamo in bene, comunque sia il settore osa e oss tra tutti i settori è veramente quello tuttora può offrire qualcosa, chiaramente non a disponibilità illimitata.

      Grazie ancora Marta!

    1. Gentile Adelyna,
      inanzitutto dipende a quale corso era interessata.
      Immagino sia uno dei corsi presi inconsiderazione nell’articolo?
      In ogni caso le abbiamo mandato tramite posta elettronica alcune semplici istruzioni da seguire per
      avere informazioni gratuite sui costi di questi corsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *